Passato, presente e futuro di Palazzo Moncada. Considerazioni di Leandro Janni

Riceviamo e pubblichiamo una nota del presidente di Italia Nostra Sicilia, Leandro Janni sul restauro di Palazzo Moncada:

<Con riferimento al progetto esecutivo dell’Ufficio tecnico del Comune di Caltanissetta per il risanamento conservativo e il restauro di Palazzo Moncada, e alla successiva puntualizzazione di Italia Nostra, alla luce di ulteriori informazioni, si precisa quanto segue. Il nuovo progetto per Palazzo Moncada è sostanzialmente un “aggiornamento” del progetto originario, a suo tempo elaborato da un gruppo di professionisti nisseni, esterni all’Amministrazione comunale: l’arch. Fiandaca, l’arch. Carnicelli, l’arch. Bartolozzi l’arch. La Paglia. Insomma: tutti architetti. E comunque, nel gruppo di progetto fu inserito anche, come consulente per le opere scultoree che connotano Palazzo Moncada, il prof. Giacomo Baragli. Il recente progetto di restauro e rifunzionalizzazione, inoltre, offre indicazioni in ordine alla gestione-fruizione di Palazzo Moncada, al potenziamento delle attività culturali, alla ridefinizione degli spazi e degli allestimenti espositivi, così come richiesto dal bando. E’ chiaro che il progetto ri-elaborato dall’ing. Garito con la collaborazione del geom. Buffone (responsabile unico del procedimento l’ing. Tomasella) è stato analizzato e ha avuto il parere favorevole della Soprintendenza dei Beni Culturali di Caltanissetta che, come previsto dalla legge, si occuperà anche dell’alta sorveglianza dei lavori di restauro.

Ma, ciò detto, riteniamo necessarie alcune considerazione. Noi conosciamo bene il difficile contesto nel quale tecnici, funzionari, sindaco e assessori comunali sono costretti ad operare, ad agire. Cionondimeno, riteniamo inaccettabile che per l’edificio storico e monumentale più importante della città si operi in modo così semplicistico, se non superficiale. E’ chiaro, ad esempio che, per quanto riguarda la gestione-fruizione di Palazzo Moncada, il potenziamento delle attività culturali, la ridefinizione degli spazi e degli allestimenti espositivi, sarebbero state necessarie altre figure professionali, altre competenze. E magari, oggi, sarebbe auspicabile un ragionamento complessivo, organico e interdisciplinare sul Palazzo che fu dei Moncada, compresi gli spazi adiacenti esterni. Importantissimo è lo spazio (la piazza) che si è venuto a determinare a seguito della demolizione di un edificio storico in via Largo Barile. Spazio che ha grandissime potenzialità, ma che viene lasciato in uno stato di surreale, stucchevole abbandono. Così come grandissime potenzialità aveva lo spazio lungo la Salita Matteotti. Ma sappiamo bene come sia andata a finire. Per non parlare della gestione, della direzione del Palazzo come museo, come spazio espositivo:  anche in questo caso registriamo un approccio assolutamente improprio e improvvisato. Insomma: la retorica sulle potenzialità turistiche della città non serve. Serve la buona politica, la buona amministrazione. Servono conoscenze, competenze, responsabilità. Nuove idee>. 

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *