19 Giugno 2024
Citta' visibili

A Caltanissetta, il Museo del Design è un piccolo gioiello di arte e cultura

(Foto inviate da Leandro Janni, presidente di Italia Nostra Sicilia)

A Caltanissetta esistono diverse realtà museali per chi volesse fruirne: il Museo mineralogico e paleontologico della zolfara, ad esempio, ospita una collezione di minerali fossili e un’esposizione dedicata alla tecnologia mineraria per l’estrazione dello zolfo. Il Museo archeologico raccoglie invece reperti provenienti dai siti dell’area di Caltanissetta ed Enna. Il Museo delle Vare offre la possibilità di vedere i sedici gruppi statuari in cartapesta che riproducono i momenti della Passione di Cristo e che rappresentano la tradizione forse più importante di Caltanissetta. Ancora, il Museo diocesano e la Galleria di Palazzo Moncada custodiscono opere d’arte di pregio e costituiscono una vera ricchezza per Caltanissetta. Ma in città c’è anche un piccolo (non per questo meno importante) museo del design all’interno dello spazio Sosta visiva, allestito nel negozio Arredi Di Buono. Si tratta di una ricca collezione di oggetti appartenenti alla famiglia Di Buono, che da più di sessant’anni opera nel settore dell’arredamento e del design. Al MuDes si possono ammirare immagini, mobili e oggetti creati dai maestri del made in Italy ma anche realizzati dai grandi maestri europei del design del Novecento. «Oggetti che, con la loro funzionalità hanno cambiato in meglio le nostre abitudini, i nostri gesti quotidiani» scrive il professore e architetto Leandro Janni, presidente di Italia Nostra Sicilia. «Il MuDes di Caltanissetta» – scrive Janni in un apposito comunicato stampa dedicato al MuDes – «è senza dubbio uno spazio, un luogo di interesse per chi ama l’arte, l’architettura, la cultura materiale, il design. Ma è anche – grazie e soprattutto alla generosa ed efficace comunicatività di Liborio Di Buono – uno spazio, un luogo che può dare molto alle scuole e agli studenti che sono interessati a conoscere uno spaccato importante della tecnica, dell’arte, della cultura moderna».

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *