Circolo PD Guido Faletra: Carlo Vagginelli nuovo segretario

Carlo Vagginelli

«Non sarà possibile fermare il declino di questa città senza un popolo che acquisti coscienza di sé e voglia di riscatto, ma per fare un popolo è necessario dare nuovo slancio alle forze organizzate della società, a partire dai partiti politici. Anche per questo vivo il nuovo incarico con determinazione e senso di responsabilità. Ora lavoreremo per offrire un messaggio alle cittadine e ai cittadini di Caltanissetta: un’alternativa esiste, un futuro diverso è possibile, è arrivato il momento di costruirlo insieme». Con queste parole Carlo Vagginelli inizia la sua esperienza di segretario del Circolo PD Guido Faletra di Caltanissetta, per volontà del congresso celebrato il 26 maggio.

Durante il congresso, che si è tenuto per via telematica, è stato rinnovato l’intero gruppo dirigente del Circolo, con Michele Angelo Dell’Utri vice segretario e un direttivo composto da Giuseppe Balistreri, Nicola Boccadutri, Ivo Cigna, Claudio Dimaria, Giuseppe Dolce, Antonietta Franzone, Ilaria Insisa, Silvano Licari e Amanda Minoia. Sono stati chiamati a far parte del comitato dei garanti Alessandro Ambra, Giuseppe Capobianco e Alessandro Ferrara.

Durante il congresso è stato approvato un documento che colloca la questione nissena all’interno di una battaglia per la giustizia sociale più ampia. «Chiediamo – si legge nel documento – al Partito Democratico regionale di uscire da una stagione di immobilismo che è durata troppo a lungo, partendo dalla convocazione di una conferenza programmatica che ci aiuti a costruire un rapporto nuovo con la società siciliana». Insomma, una vera e propria riorganizzazione del Partito che, in provincia, si farà portatore di una strategia di sviluppo basata su quattro priorità che riguardano il sistema sanitario, la rete infrastrutturale, la conoscenza e l’istruzione e lo sviluppo sostenibile. In merito al primo punto, il Circolo Faletra ha inoltrato, giorni fa, un questionario sull’emergenza Covid-19 per sentire il punto di vista e le proposte delle persone. A livello cittadino, la vera sfida del Partito è invece quella di rimediare al disastroso risultato delle elezioni amministrative, costruendo un’opposizione efficace e determinata che fornisca alla nuova amministrazione proposte utili allo sviluppo del territorio.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.