Goletta Verde: due i punti inquinati a Caltanissetta

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mare siciliano gode di buona salute? Secondo la storica campagna di Legambiente, Goletta Verde, no. <Dei 26 punti monitorati sulla costa, 15 risultano oltre i limiti di legge> dice un comunicato stampa di Legambiente Sicilia. Dei 15, 10 sono stati giudicati “fortemente inquinati” e 5, “inquinati”. Il monitoraggio delle acque della Sicilia è stato effettuato dal 7 al 23 luglio e i punti analizzati in provincia di Caltanissetta risultati “inquinati” sono due. Uno si trova sulla spiaggia di fronte alla foce del torrente Rizzuto nel comune di Butera e l’altro sulla foce del fiume Gattano, in località Macchitella, a Gela.

Secondo il monitoraggio di Goletta Verde, sono proprio canali e foci i principali veicoli con cui l’inquinamento arriva in mare. L’edizione 2020 della storica campagna sullo stato di salute di coste e acque italiane è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Giardini Naxos, con l’intervento del presidente di Legambiente Sicilia Gianfranco Zanna e della curatrice di Salvalarte per Taormina, Caterina Valentino. Quest’anno, il Covid-19 e le restrizioni conseguenti hanno modificato il classico itinerario a vantaggio di una formula inedita ma non meno efficace e la 34esima edizione di Goletta Verde è stata possibile anche grazie ai contributi dei partner, CONOU, Novamont, Ricrea e Fastweb.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *