Legalità e gentilezza alla scuola Carducci

Giornata della Gentilezza alla “Carducci”: qualche immagine delle attività svolte dai ragazzi e dalle ragazze della scuola.

Il 13 Novembre, alla scuola secondaria di primo grado “Giosuè Carducci” di San Cataldo, è stata celebrata la Giornata mondiale della Gentilezza. Nell’istituto, diretto da Salvatore Parenti, la Commissione Legalità (coordinata da Grazia Aurora Caramia) ha avviato un progetto di riflessione sul valore della gentilezza, che coinvolge docenti e personale ATA. Sono loro che, ogni giorno, si relazionano infatti con alunni, genitori e soggetti esterni alla scuola.

«E’ auspicio di tutti, soprattutto in momenti così difficili, che la gentilezza connoti i rapporti all’interno della scuola e diventi sempre una costante nelle relazioni umane non solo nella giornata della gentilezza. È importante, necessario e urgente educare ed educarsi alle parole gentili da “utilizzare” nei vari ambienti e ambiti, a partire dalla scuola, al fine di costruire un contesto di vita sereno e una società basata sul rispetto» – ha affermato il dirigente scolastico Parenti, durante una videoconferenza con gli alunni.

Il progetto ha avuto inizio nelle prime classi, con il percorso “La parola gentile”, nel corso del quale è stato spiegato che la gentilezza contribuisce a contrastare la cultura della sopraffazione, della violenza e della prepotenza. Un’attività che ha anche lo scopo di evidenziare il valore della parola gentile, che ha il potere di placare gli animi, seminare positività, far cadere resistenze e pregiudizi e predisporre al dialogo ed alla soluzione di problemi.

Le diverse attività – canzoni, video, letture ed elaborazioni grafico-espressive – si sono svolte secondo il protocollo di prevenzione da infezione Covid, nel rispetto delle norme attivate in istituto e di quelle applicate secondo norma. Insomma, in un periodo come questo, in cui spesso la tensione fa dire cose di cattivo gusto e fare gesti irrispettosi del prossimo, ancora una volta è la scuola a dare una bella lezione.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *