Onde donneinmovimento chiede un incontro al sindaco Gambino sui temi della scuola

Foto tratta da Facebook

L’intesa tra Stato e Enti Locali sul Piano Scuola 2020-2021 è al suo traguardo e anche a Caltanissetta si torna a parlare di diritto allo studio. Nei giorni scorsi l’associazione Onde donneinmovimento, che ormai da anni si batte per le pari opportunità nella nostra provincia, ha infatti scritto una lettera aperta al sindaco Roberto Gambino per sollecitare un incontro sui temi della scuola. Il testo è firmato dalla portavoce di Onde, Lidia Trobia e lo pubblichiamo integralmente:

«Mancano poco più di due mesi alla riapertura delle scuole, è tempo che l’enfasi lasci spazio alle azioni efficienti ed efficaci.

La necessità legata al “distanziamento” deve trasformarsi in opportunità, alunni e alunne, studentesse e studenti tornando a scuola debbono trovare aule, spazi, insegnanti idonei non tanto e non solo al post Covid-19 bensì alla scuola stessa.

La sciagurata politica che ha visto le classi riempirsi sino all’inverosimile, l’abbandono di molti edifici scolastici in nome di una presunta efficienza che in realtà mascherava la mancanza di investimenti e risorse destinate all’insegnamento deve cessare.

L’Associazione Onde donneinmovimento chiede al Sindaco di Caltanissetta di riaprire gli edifici scolastici chiusi in modo da renderli disponibili perché il diritto allo studio non sia solo un’affermazione di principio ma una realtà e lo sia sin dalla più tenera età.

In un momento così difficile occorre mettere in campo risorse straordinarie di creatività e capacità di governo e Onde donneinmovimento dichiara la propria disponibilità ad un incontro con amministratori, dirigenti, insegnanti, studenti, genitori, cittadini per programmare e attuare quanto è necessario alla Città che vuole guardare al futuro con gli occhi delle sue figlie e dei suoi figli».

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *