“Sorella sanità”: dieci arresti in Sicilia

Foto tratta da internet

“Sorella sanità”: si chiama così l’operazione condotta dalla Guardia di Finanza che ha portato otto persone agli arresti domiciliari e due in carcere per corruzione e appalti pilotati. Pezzi importanti della sanità siciliana sono finiti nell’occhio del ciclone, primo fra tutti Antonino Candela, 55 anni, coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 e già commissario straordinario e direttore generale dell’ASP 6 di Palermo. Insieme a Candela, si trovano attualmente ai domiciliari anche Francesco Zanzi (56 anni, romano, amministratore delegato della Tecnologie sanitarie Spa), Roberto Satta (originario di Cagliari e responsabile operativo della Tecnologie sanitarie Spa), Giuseppe Taibbi (47 anni), Ivan Turola (milanese, 40 anni), Angelo Montisanti (51 anni, responsabile operativo per la Sicilia di Siram Spa e amministratore delegato di Sei Energia), Crescenzio De Stasio (49 anni, di Napoli) e Salvatore Navarra, 47 anni, nisseno, presidente del consiglio di amministrazione di PFE.

Sono invece finiti in carcere Fabio Damiani (55 anni, attuale direttore dell’ASP di Trapani) e Salvatore Manganaro (44 anni, ex dirigente). Per Giovanni Tranquillo (61 anni, di Catania) e Giuseppe Di Martino (63 anni, di Polizzi Generosa) è stato invece applicato il divieto temporaneo di esercitare attività professionale, imprenditoriale di pubblici uffici.

Sempre nell’ambito di “Sorella sanità”, il Gip ha disposto il sequestro preventivo di sette società con sede In Lombardia e in Sicilia, nonché di 160.000 euro corrispondenti all’ammontare delle tangenti già versate, sebbene il totale delle mazzette promesse ai pubblici ufficiali ammonti ad un milione ed 800.000 euro.

Un’indagine complessa, quella condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Palermo, che ha permesso di ipotizzare l’esistenza di un intreccio fra imprenditori, faccendieri e pubblici ufficiali allo scopo di asservire la funzione pubblica agli interessi privati.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *