Gli Angeli e pezzi del centro storico fotografati da Angelo Emanuele Parisi

Angelo Emanuele Parisi è un architetto che si occupa di gestione, manutenzione, ammodernamento e sicurezza degli edifici residenziali. I testi e le foto di questa rubrica, oggi sono suoi e il grande protagonista rimane il centro storico della città, nello specifico, gli Angeli, la via San Domenico e la piazzetta Tripisciano. Del quartiere Angeli, l’architetto Parisi scrive:

«di origine araba, da qui, dal Castello di Pietrarossa, leggenda vuole che sia nata l’antica città; il quartiere fu abitato anche dagli zolfatari (lo zolfo un tempo è stato il motore propulsore dell’economia locale). Successivamente il quartiere si andò svuotando ma con l’arrivo di altre etnie (alcune delle quali discendenti più o meno dagli antichi fondatori) le vie si sono rianimate. Un quartiere comunque rimasto sempre povero e marginale ai luoghi del potere decisionale ma un quartiere che nonostante tutto (anche a dispetto della sua contiguità con il cimitero) sopravvive a sè stesso. La chiesa di Santa Maria degli Angeli (adiacente al Castello di Pietrarossa) è stata dichiarata monumento nazionale nel 1902 ed è la seconda chiesa per antichità di Caltanissetta. La piazza Tripisciano è un antico crocevia di zolfatari che andavano e venivano dalle miniere».

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *