Il FAI racconta la Settimana Santa

La locandina dell’incontro

Per ragioni legate al contenimento dei contagi da Covid-19, anche quest’anno la Settimana Santa ovviamente non ci sarà. Niente processioni né Vare, né dolciumi dai colori variopinti o salsicce che sprigionano l’odore intenso che tutti conosciamo. Insomma, anche quest’anno non avremo niente di tutto ciò che fa parte delle nostre feste e delle nostre tradizioni. Ma come la didattica a distanza o lo smartworking servono a mantenere attività essenziali, un modo per non rinunziare alla Settimana Santa esiste ed è parlarne o ascoltare le parole di chi, per lungo tempo, questo tema lo ha approfondito. Del resto, per vedere veramente una cosa non bisogna forse comprenderla? Così la delegazione nissena del Fondo Ambientale Italiano (FAI) ha organizzato l’incontro dal titolo “La Settimana Santa in Sicilia tra riti, tradizioni, musiche e passioni popolari”, che si terrà martedì 30 Marzo alle 18.00 in diretta streaming online dalla pagina Facebook del FAI Delegazione di Caltanissetta.

L’incontro registrerà gli interventi di Ignazio Buttitta, docente di Storia delle tradizioni popolari ed Etnologia all’Università di Palermo; Ignazio Macchiarella, docente di Etnomusicologia e Civiltà musicali del Mediterraneo all’Università di Cagliari; Carmelo Stompo, fotografo e autore del progetto sui riti pasquali in Sicilia intitolato Croco, Santi, Demoni, Giganti e ancora i fratelli Enzo e Lorenzo Mancuso, compositori e polistrumentisti originari di Sutera.

Patrocinato dalla Fondazione Ignazio Buttitta, l’incontro sarà moderato da Pasquale Tornatore, delegato alla comunicazione del FAI di Caltanissetta ed introdotto dal saluto della capo delegazione nissena FAI, Giulia Carciotto.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *