Musumeci a Caltanissetta per la riqualificazione del Cefpas

Il pubblico al Margherita

Il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci non ha voluto aggiungere nulla alle parole dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, durante la presentazione del nuovo progetto di sviluppo e riqualificazione del Centro per la formazione permanente e l’aggiornamento del personale del servizio sanitario, meglio noto come CEFPAS. I lavori si sono svolti al Teatro Margherita, in presenza di numerosi rappresentanti delle istituzioni e giornalisti.

«In questa presentazione c’è un’idea e c’è una visione» ha dichiarato Razza a commento dei lavori. «Oggi disegniamo un asset strategico di sviluppo e conoscenza che copre il vuoto che aveva penalizzato la Sicilia centrale. Si tratta di un progetto esecutivo di valore straordinario e l’obiettivo è quello di poter consegnare la struttura entro la fine di questa legislatura».

Internazionalizzazione della formazione, innovazione e ricerca, sicurezza e prevenzione ed infine maggiori attività di promozione della salute: sono questi i quattro obiettivi programmatici sui quali insistere per ridare forza al Cefpas e renderlo un valore aggiunto e uno strumento di sviluppo per Caltanissetta.

L’assessore regionale Razza durante i lavori

Si tratta di un piano di investimenti che potenzia il Centro Mediterraneo di Simulazione (Cemedis) e che sostiene l’avvio della Scuola euromediterranea di salute pubblica, con particolare riguardo ai fenomeni migratori. E un occhio di riguardo, in tempi di pandemia da Covid-19, lo avrà anche il tema del biocontenimento.

Come e quanto il Cefpas vada valorizzato, il presidente della Regione Sicilia lo ha, però, reso ai microfoni dei giornalisti, spendendo anche una parola sulla situazione sanitaria dell’isola. Musumeci ha, infatti, dichiarato che se i contagi dovessero risalire si chiuderà di nuovo tutto.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare il direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com
Ogni commento agli articoli sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato.
Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'intero lavoro della Redazione.
Per segnalazioni e refusi potete rivolgervi al direttore di questa testata all'indirizzo email: marcellageraci@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *