19 Giugno 2024
Attori e comparse

Da San Cataldo a Strasburgo: le tappe di “Sulfur”, ultimo spettacolo della rassegna intitolata a Dostoevskij

(Foto tratta dal web)
La rassegna drammaturgica “Il sogno di un uomo ridicolo” giunge al termine con “Sulfur – dio dei dannati”, che farà il suo debutto alle 20.30 di giovedì 11 aprile al Piccolo Teatro Giancarlo Curto di San Cataldo, ubicato al civico 13 di via Pergusa. Dopo la prima nazionale, lo spettacolo andrà in scena all’Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo, in occasione del MediterRhin che si terrà il 18 aprile.
“Sulfur” è un progetto musicale e teatrale del Festival del Torto, realizzato col supporto economico del Fondo PSMSAD dell’INPS e prodotto dal gruppo Musica Bandita. La band è formata da Totò Nocera (voce e synth), Davide Campisi (voce, tamburi a cornice e drum machine) e Francesco Less (voce, basso e cygabox). Un contributo drammaturgico fatto di poesia e prosa viene invece da Zingaro Glamster alias Giuseppe Tarantino, che ha anche scritto e diretto “Mater”, il terzo appuntamento della rassegna intitolata a Dostoevskij e organizzata con le associazioni Tam Tam e Laportadelsole.
“Sulfur” è inoltre composto da brani di tradizione e contemporanei, tra i quali una versione particolare di “Vitti na crozza” e la poesia “A li matri di li carusi” di Ignazio Buttitta musicata da Giancarlo Curto, figura culturale di spessore nel panorama sancataldese e nisseno al quale è interamente dedicato lo spettacolo.
Con questa miscela fra musica e drammaturgia, cala il sipario su una manifestazione che ha avuto la forza di mettere insieme diverse realtà del teatro siciliano, dimostrando che anche fuori dai circuiti più ufficiali è possibile creare eventi culturali di rilievo.
Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il 380 6846869.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *