22 Febbraio 2024
L'opinione

Italia Nostra Sicilia contesta le scelte del governo Schifani in materia di ambiente

L’apertura dei lavori del Consiglio Regionale di Italia Nostra (foto inviata dall’architetto Leandro Janni)
È stato dato il via libera dalla maggioranza di centrodestra, in commissione Ambiente e territorio dell’Assemblea regionale siciliana, al disegno di legge in materia di edilizia e urbanistica. Lo comunica Italia Nostra Sicilia attraverso un comunicato stampa dove aggiunge che il testo contiene anche una proposta di sanatoria per le case abusive prossime al mare (entro i 150 metri dalla battigia) costruite in Sicilia prima del 1985. Contrari al disegno di legge i gruppi di opposizione: Pd, M5s e Sud chiama Nord.
«Dalla politica siciliana, oggi guidata dal presidente Renato Schifani – afferma Leandro Janni, presidente regionale di Italia Nostra Sicilia – ancora un vergognoso tentativo di sanatoria edilizia: un ddl che di fatto stravolgerebbe la legge urbanistica regionale del 2020. Norme che fanno carta straccia dell’indirizzo europeo che punta all’azzeramento del consumo di suolo entro il 2050 e che pagheranno a caro prezzo le future generazioni. E comunque, è evidente che diversi articoli del ddl sono a rischio impugnativa, primi fra tutti quelli relativi alla sanatoria edilizia, ennesimo specchietto per le allodole da parte di chi è alla ricerca di consenso politico».
Il Consiglio regionale di Italia Nostra Sicilia, presieduto da Leandro Janni, si è riunito a Caltanissetta domenica scorsa, nella Sala degli Oratori di Palazzo Moncada. L’architetto e docente Leandro Janni è al suo sesto mandato da presidente regionale e in passato è stato componente del Consiglio direttivo nazionale di Italia Nostra e presidente della Sezione nissena.
L’incontro ha sviluppato diversi argomenti: dai Piani urbanistici comunali alle carenti infrastrutture viarie e ferroviarie; dal NO al ponte sullo Stretto alle riserve naturali e marine siciliane. Ad attirare l’interesse del gruppo regionale di Italia Nostra, anche la tutela dei centri storici e la gestione dei parchi archeologici e dei musei dell’Isola.
Durante la riunione è intervenuto anche il sindaco Roberto Gambino, che ha evidenziato e analizzato alcuni aspetti del nuovo Piano urbanistico comunale di Caltanissetta. Il Consiglio regionale di Italia Nostra Sicilia ha infine approvato all’unanimità la costituzione della nuova sezione di Pachino (di cui è responsabile il prof. Sebastiano Lupo) e il nuovo presidio Valle del Belice.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *