Su Renzi scivolone istituzionale: la reazione del coordinamento nisseno di Italia Viva

(Foto tratta dal web)
Il post del sindaco Gambino

Ha provocato non poche reazioni di sdegno, il post che il sindaco di Caltanissetta Roberto Gambino ha pubblicato su Facebook. Il post, che ritrae Matteo Renzi con la lingua di fuori e gli occhi chiusi, ha suscitato infatti diversi interrogativi, uno fra tutti riguarderebbe l’opportunità di queste uscite su una pagina istituzionale.

Si può parlare di satira nello sbeffeggiare le espressioni involontarie di qualcuno? Un rappresentante delle istituzioni non avrebbe il dovere di mantenere alto il livello del dibattito politico? Un sindaco che rappresenta la collettività non dovrebbe esimersi dal parteggiare o fare propaganda? Sono tutti interrogativi legittimi, che chiamano in causa un’altra questione in questi anni balzata agli onori delle cronache a causa dell’atteggiamento populista di molte forze politiche: se tra la taverna e il palazzo debbano esservi o meno differenze dovute a responsabilità politica e ruoli istituzionali ricoperti. Intanto, riceviamo e pubblichiamo la reazione del coordinamento nisseno di Italia Viva:

«La pubblicazione sul profilo istituzionale del Sindaco di Caltanissetta Gambino di una foto che sbeffeggia Matteo Renzi è un atto in disprezzo della funzione che la Costituzione e le leggi attribuiscono al Sindaco stesso. Egli infatti, eletto con maggioranza di voti, all’atto dell’insediamento assume la rappresentanza collettiva, di tutta la comunità quindi.

La comunicazione istituzionale, spesso pagata con fondi pubblici, ha lo scopo di informare i cittadini e non di diffondere idee o, peggio, propaganda politica, ma il Sindaco 5 Stelle Gambino comunica ciò che ritiene e non ciò che accade.

Si provi a cercare sul sito del Comune di Caltanissetta i curricula di Sindaco e Assessori ad esempio, con fatica si trova solo quello dell’Assessore Frangiamore, si provi a cercare la situazione reddituale o le spese elettorali e questo per quanto riguarda la trasparenza sulle persone.

Italia Viva ha posto pubblicamente nei mesi passati altri quesiti su questioni di interesse pubblico e mai ha ricevuto una risposta, probabilmente perché erano domande scomode.

La volgare uscita del Sindaco Gambino lo qualifica e lo connota come uomo di parte impegnato a sbeffeggiare un giorno il Presidente della Regione, un altro il Sindaco di Palermo e in ultimo il senatore Renzi reo di avere comunicato le dimissioni delle ministre di Italia Viva dal Governo della nazione.

Ciò ci impegna ancor di più a svolgere la nostra umile, disinteressata e appassionata azione politica locale.

Non abbiamo mai chiesto posti ma risposte alle nostre domande e abbiamo ricevuto solo silenzio.

Torneremo sui temi a noi cari dalla prospettiva della nostra città e del nostro territorio, avanzeremo proposte e chiederemo il confronto sui temi, sapendo che ogni comunità dovrà sapere elaborare il proprio modello di sviluppo locale utile all’impiego delle enormi risorse che arriveranno.

Torneremo a essere scomodi e a denunciare come abbiamo fatto sulla opacità della “operazione debito ATO rifiuti”».

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.